Vhils fa emergere la storia stratificata dei muri

foto 4Volti giganteschi di personaggi celebri e gente comune, intagliati sulle pareti con scalpello e vernice. È questo il marchio di fabbrica dello street artist portoghese Vhils, all’anagrafe Alexandre Farto.

Dopo aver lasciato tracce a Londra, Parigi, Las Vegas, Lisbona, Mosca, Rio De Janeiro e in altre città del globo, negli ultimi giorni è approdato a Torino, nell’ambito del progetto NizzArt, organizzato dall’associazione URBE, in collaborazione con la Circoscrizione 8, e col sostegno de La Stampa. Sulla facciata cieca di un condominio al numero 50 di via Nizza, dopo due giorni di lavoro, ha preso forma una grande faccia in primo piano, “Una delle tante persone qualunque incontrate durante un viaggio in Messico – racconta Vhils –. Mi piace ritrarre persone comuni è un modo per dare risalto agli eroi di tutti i giorni e umanizzare i luoghi”. Sulla base di vernice bianca che delinea i lineamenti del volto, emergono le ombre e le rughe attraverso un complesso lavoro di scalpello sui diversi strati di materiali che compongono la facciata. “I muri in Portogallo raccontano la storia. Ai tempi della dittatura i graffiti erano illegali, le pareti venivano usate per diffondere messaggi politici, poi sono diventati spazi pubblicitari – spiega Vhils –. Quando dipingi su una parete in qualche modo ti confronti con tutti gli strati che la compongono; anziché lavorarci sopra ho deciso di giocare con questi strati, scolpendoli per riportare in superficie la storia del muro”. Questa tecnica è alla base della serie “Scratching the Surface / Graffiando la Superficie”, presentata per la prima volta a Vhils & BanksyLisbona nel 2007 e impostasi a livello mondiale l’anno successivo, quando uno dei suoi volti scolpiti è apparso accanto a un’opera di Banksy, al Cans Festival di Londra.

La sua prima “parete” torinese arriva a completare la prima fase del progetto NizzArt, che mira a trasformare via Nizza in un grande museo a cielo aperto, puntando sul valore dell’arte come elemento di riqualificazione urbana. Il volto di Vhils si va così ad aggiungere alle geometrie e alle forme prospettiche di Moneyless lungo il muro dell’Istituto Rosmini, all’angolo tra la via omonima e via Nizza, e al grande murales realizzato da Agostino Iacurci nel parcheggio di via Lugaro.

Si conclude la prima fase, sostenuta da La Stampa, non l’intero progetto – spiega Raw Tella di URBE –. Ora dovremo trovare nuove facciate e nuovi fondi. Via Nizza è ancora lunga”.

Qui il video realizzato dall’alto del cestello.

 

Pao, pingu, Paratissima e i muretti di piazza Galimberti

foto (9)Neoplasia“, la personale di Pao ospitata da Square 23, si è trasferita per qualche giorno all’ex MOI, in occasione di Paratissima.
foto (8)E i classici pinguini dello street artist milanese, non si sono limitata a popolare lo stand nella sezione G@P – Galleries at Paratissima, hanno deciso di farsi un giro anche nell’antistante piazza Galimberti, dove Pao sta lasciando il segno sui particolari muretti ondulati che “crescono” sotto gli alberi.

SHIT ART FAIR

03-Vernisagge-o-fiera-delle-vanitàChe bomba!
Spam ha colpito ancora. Dopo aver dichiarato “venduta” Artissima, attaccando un enorme pallino rosso sui poster della fiera intorno all’Oval, in occasione dell’edizione 2012, quest’anno il collettivo di street artist, originario di Firenze, ma da qualche tempo torinese d’adozione, lancia la propria fiera: la Shit Art Fair.
La location? La galleria che meglio si sposa con la street art. In strada. Per la precisione, nel tunnel che passa sotto il ponte Isabella, al Parco del Valentino, in viale Marinai d’Italia.
07-la-galleria-macelleriaUn’opera imponente, 130 metri di carta, attaccati nei riquadri del tunnel e all’ingresso (lato Valentino), presidiato da un uomo e una donna con un televisore al posto della testa.
Il messaggio è una critica diretta e frontale al mondo (e soprattutto al mercato) dell’arte tradizionale. Il concept ruota attorno al lavoro introduttivo, “L’Atelier dello street artist: la strada”, citazione de “L’Atelier dell’artista” di Gustave Coubert, in mostra al Musèe d’Orsay di Parigi, che mette su tela i sostenitori dell’artista contrapposti ai suoi nemici, coloro che soffocati dai beni materiali, contribuiscono a mercificare l’arte.
E nell’atelier dello street artist, sui fogli sparsi ai margini della raffigurazione, si riconosce la mano di alcuni amici dell’artista: JBRock e Hogre – che sabato 9 inaugurano la mostra Fomento alla Galo Art Gallery -, lo stesso Galo, Halo Halo, Ufo 5.
Il resto è un viaggio nel tunnel… caldamente consigliato.
Anche da alcuni monumenti cittadini…

Qui sotto, il link al video di lancio di Shit Art Fair:

Guerrilla SPAM – Shit Art Fair from guerrillaSPAM on Vimeo.

Novembre, la street art e le fiere

Arriva Novembre e come ogni anno si scaldano i motori dell’arte contemporanea. safOltre agli ormai consolidati appuntamenti con Artissima, Paratissima e The Others, Guerrilla Spam darà vita alla Shit Art Fair, da qualche parte in città (occhi aperti, soprattutto sotto i ponti…). A Square23 il 31 ottobre niente zucche, ma pinguini, quelli di Pao, in occasione di “Neoplasia”, che avrà un’appendice a Paratissima, all’interno di G@P e con un intervento urbano in piazza Galimberti.
Sempre a Paratissima, sempre all’interno di G@P, sarà presente l’associazione Il Cerchio E Le Gocce con un’esposizione e una serie di interventi all’interno del Moi.
Il 5 novembre, presso InGenio Arte Contemporanea, inaugura From The Street, con le opere di tre street artists torinesi: Alessandro Caligaris, Ypres, Carmelo Cambareri.
Il 9 novembre, la Galo Art Gallery inaugura “Fomento”, con JB Rock e Hogre, presenti anche in una cella di The Others e da qualche parte in giro per le strade di Torino.
Infine, il 16 e 17 novembre, torna a Torino Street Attitudes: più di 40 artisti lasceranno il segno sui 330 metri dei muri esterni del Parco della Tesoriera.
Il conto alla rovescia è iniziato.

Allo stato Puro. In strada e in galleria…

AlePuro1Puro” è il nome d’arte che si è scelto ai tempi dei graffiti e delle Tag, preso a prestito dai sigari cubani che fumava suo padre: i “Puros”, appunto. Ma “puro” è anche il tratto che caratterizza le sue opere dopo il passaggio alla street art. E puri sono i personaggi che animano il suo mondo sognante. Ecco allora che il gioco di parole nel titolo della personale ospitata da Square 23, è quasi obbligatorio: “Allo stato Puro. Le opere di Ale Puro”.

Una bimba impugna una bacchetta magica cercando invano di trasformare una zucca, un’altra gioca con una girandola e cinque pupazzi occupano lo spazio di via San Massimo 45. Ma i personaggi di Ale Puro non si fanno rinchiudere in galleria e così le vetrine dei negozi vicini sono diventate un’estensione della mostra, aperta fino al 24 ottobre.

(recensione da La Stampa del 01.10.2013)

Un po’ di immagini… in strada e in galleria:

Allo stato Puro

ale puroFreschezza, innocenza, semplicità… Purezza.

Alla fine, per raccontare il lavoro di Ale Puro non si può fuggire dall’inevitabile gioco di parole col suo nome d’arte. “Allo stato Puro” è il titolo della personale che gli riserva Square 23 . L’inaugurazione, negli spazi di via San Massimo 45, è fissata per martedì 24 settembre alle 18 (la mostra è visitabile fino al 24 ottobre).

Lo stato puro è quello con cui lo street artist lombardo si appresta a osservare il mondo, raccontato nelle sue opere attraverso gli occhi dei bambini. Lo stile è quello grezzo e spontaneo degli sketches ispirati a Modigliani, Haring, Blake e Basquiat. I suoi personaggi, spensierati e riflessivi, rispecchiano ironicamente la semplicità che ci circonda, ma che spesso viene travolta dalla società odierna basata sulla necessità del superfluo. I suoi disegni sono sospesi tra realtà e fantasia, le sue ale1opere racchiudono piccoli racconti di disarmante serenità, brevi viaggi in un mondo fantasioso ma allo stesso tempo reale.

Classe 1984, a 16 anni Ale Puro entra nel mondo del writing. Molto tempo prima di dar vita all’immaginario che caratterizza oggi la sua opera, sceglie “Puro” nickname, tag veloce e incisiva da vergare sui muri, ispirandosi ai sigari cubani fumati da suo padre: i “Puros” appunto.

Ispirato da diverse culture dovute ai suoi viaggi per il mondo, in particolare Messico e India, abbandona presto lo stile classico del graffito, per abbracciare la corrente della Street Art che gli permette maggiore libertà di espressione. E seguendo vie ale3imperscrutabili i suoi lavori si allineano così con quel nome, scelto quasi per caso.

Dal 2008 ad oggi ha realizzato live painting in giro per il mondo e partecipato a mostre e collettive in Messico, a Monaco, e, in Italia, a Milano, Pavia, Vigevano, Bergamo, Genova, Savona.

Pixel Pancho is back!

1234501_10201968982765607_1874424493_nDopo la mostra del 2011, Pixel Pancho torna alla Galo Art Gallery. L’inaugurazione della personale “The Garden of Eden” è fissata per sabato 14 a partire dalle 17 (la mostra rimarrà in esposizione fino al 31 ottobre, in via Saluzzo 11/g).

Negli ultimi due anni Pixel ha dato vita a incredibili installazioni pittoriche in giro per il mondo, continuando a sviluppare il suo stile personale fatto di mutazioni robotiche e scenari apocalittici.

Adesso ritorna nella sua città, portandosi dietro esperienze, suggestioni, storie e molti nuovi lavori. Alla Galo Art Gallery ha progettato e realizzato la sua scultura più grande creata fino ad oggi (le foto rendono solo una vaga idea di cosa vi aspetta). Attorno a questa imponete scultura metallica, ci saranno dipinti su legno e superfici metalliche, ossidate e arrugginite, oltre a sculture di dimensioni più piccole, ma non meno stupefacenti, per la cura dei dettagli.

“Public Arena” a Barriera

PublicArena

Nell’ambito del progetto di Artegiovane, “Contesto/Barriera“, mercoledì 11 settembre alle 18, presso l’Associazione Barriera di via Crescentino 25, inaugura la collettiva “Public Arena”, curata da Roberta Pagani. La mostra, attraverso le opere degli artisti BR1, Markus Butkereit, Elfo, Fra.biancoshok, Gecdott.Porka’s, the Wa, vuole offrire uno sguardo sulle diverse forme espressive adottate nello spazio pubblico.
L’intervento urbano si apre sempre più a nuovi linguaggi, sospesi tra design, fotografia artistica, Net Art. Si spazia dei berlinesi tha Wa e Markus Butkereit, pionieri dell’Urban Intervention, che propongono vere e proprie “situazioni”, con operazioni che invertono le logiche di utilizzo dello spazio urbano; alle Unconventional Experiences del milanese Fra.biancoschock. L’ironia di Elfo si declina in performance e installazioni nei contesti urbani, veicolate attraverso il web; Gec utilizza i social network per dar vita a opere partecipate; BR1 lavora sulla dicotomia Oriente-Occidente; i dott. Porka’s usano la Street Photo Performance, invenzione sottoscritta nel manifesto del trio, come tecnica di intervento multiplo nello spazio.
La mostra sarà visitabile fino all’11 ottobre 2013, con orario 15 – 19.
In parallelo alla mostra e sempre nell’ambito del progetto “Contesto/Barriera”, l’artista BR1 realizzerà un intervento sulla facciata dei Bagni Pubblici di via Agliè, in collaborazione con i ragazzi delle scuole del quartiere. Inoltre l’artista AK terrà un laboratorio incentrato sulla tecnica della graffiti art, rivolto agli anziani, ai circoli e alle bocciofile.
Contatti +39 011 287.64.85 o barriera@associazionebarriera.com.