Tra “fabbrica” e ArteSera

A poco più di 6 mesi dalla nostra “nascita” siamo approdati con somma gioia sul nuovissimo sito di ArteSera e abbiamo deciso di cominciare dalla fabbrica di via Foggia. Perché è una bella storia; perché è ricca di protagonisti e perché ci auguriamo possa avere un seguito ancora più interessante (le premesse ci sono tutte).

Torino è una città strana.
Alcune fabbriche chiudono, altre si aprono alla creatività.
L’ex Aspira di via Foggia 28 aveva ormai il destino segnato: sarebbe stata abbattuta per far posto a moderni loft ad uso abitativo. Prima però che il suo destino si compisse, gli spazi sono stati presi in consegna da Raw Tella e Eugenio Dragoni, che hanno letteralmente stravolto capannoni, cortile interno, uffici.
A giugno è nato il WTC – War Trade Center, che per due mesi ha saputo catalizzare tutti i nomi della street art torinese, molti esponenti di quella nazionale e alcuni ospiti d’oltre confine. Una delle più grandi e coinvolgenti esposizioni di street art mai viste in città. E con un elemento di forza in più rispetto a qualsiasi mostra/esposizione dedicata a graffitismo e affini. Così come capita in strada, anche negli spazi di via Foggia 28 le opere non potevano avere carattere permanente. Realizzate direttamente sui muri, sarebbero state abbattute, insieme alla fabbrica.

StreetArTO era nato da poco (febbraio 2011), con l’intento di raccontare la street art torinese. Trovarsela tutta riunita in uno spazio così suggestivo è stata una piacevolissima sorpresa.
Il giorno dell’inaugurazione una piscina è comparsa in cortile; gli skaters si producevano in acrobazie su rampe e pedane posizionate tra opere di Pixel Pancho e Galo, Xel e Lapiztola; si ballava la break dance sotto un lavoro di Eme de M, mentre la musica segnava il ritmo tra le persone in coda al bar, inglobate nella testa di Medusa realizzata dai Truly Design con la tecnica dell’anamorfismo. Nel cortile – dove si affacciavano l’albero di parole di Opiemme, le bambine di Nox, la grande tartaruga di Roa e gli strani extraterrestri realizzati da TO LET e Mp5Gec ha racchiuso in poche parole il senso di quei due mesi, in cui le pareti della fabbrica si popolavano di storie e personaggi, cambiando aspetto dal giorno alla notte: “Qui, oggi, direi Berlino – Torino: 1 a 1!”.

Continua sul blog di ArteSera.

Annunci

Lapiztola messicana colpisce al WTC

Lapiztola è un collettivo di street artist messicano.

Nei loro lavori sui muri del Sud America ritornano con insistenza alcuni elementi caratteristici: i bambini; il tema del viaggio e del volo; stormi di uccelli neri, che a seconda del contesto si trasformano da dolci a minacciosi; paramilitari armati e manifestanti incappucciati, scontri con la polizia. Come nello stencil realizzato nel 2008 al centro Fotografico Manuel Alvarez Bravo, dove si ripercorrono i fatti di Oaxaca, del 2006.

 

 

 

 

 

 

Da più di un mese stanno girando l’Europa, lasciando segni del loro passaggio in diverse città: Barcellona, AmsterdamParigi, Bologna, infine Torino. Torino quasi per caso, non a caso nel WTC però. A Bologna hanno sentito parlare di questa ex fabbrica, trasformata in uno spazio espositivo a tempo dedicato alla street art.

Hanno preso il treno da Bologna, sono arrivati mercoledì 6 luglio, hanno raggiunto il numero 28 di via Foggia, si sono scelti la loro parete e hanno iniziato a dipingere (nella foto il lavoro in fase di realizzazione – erano le 18,30 di mercoledì).

Giovedì 7 sono ripartiti: tappa a Bologna, aereo verso Barcellona, ultimi giorni europei e rientro in Messico.

BIOGRAFÍA El Colectivo Lapiztola es una de las propuestas más importantes del estado de Oaxaca. Este colectivo surgió como respuesta a los movimientos políticos de Oaxaca en el 2006. Desde entonces, además de realizar intervenciones urbanas, ha expuesto en galerías de México y Estados Unidos, otros recintos cerrados como el Museo Nacional de la Estampa, y el Museo de arte Popular, en México DF y centros culturales como el Centro cultural España, Don Apolonio, y ha estado presente en eventos de importancia como la Bienal de la Habana y el Festival Entijuanarte.

Il Collettivo Lapiztola rappresenta una delle proposte più interessanti dello stato di Oaxaca. Questo collettivo nacque come risposta ai movimenti politici di Oaxaca del 2006. Da allora, oltre che realizzare azioni urbane, ha esposto in gallerie del Messico e degli Stati Uniti, in spazi chiusi come il Museo Nazionale della Stampa, il Museo de arte Popolare e centri culturali quali il Centro cultural Spagna, Don Apolonio, ed ha partecipato a importanti eventi, come la Biennale de La Havana e il Festival Entijuanarte.

SOBRE SU TRABAJO, DICE: “Lapiztola trata de manejar el arte urbano en cierto sentido como protesta, pero también busca a través de imágenes crear un dialogo con el espectador intentando aportar ideas visuales que probablemente hagan conciencia de la realidad social, no siempre es el objetivo a veces solo queremos que la gente se haga una historia de lo que está viendo. La mayoría de veces usando como soporte técnico el esténcil y la serigrafía.”

“La Piztola utilizza l’arte urbana in un certo senso come protesta, però allo stesso tempo cerca attraverso le imamgini di creare un dialogo con lo spettatore, cercando di proporre idee visive che aiutino a prender coscienza della realtà sociale. Altre volte vogliamo semplicemente che la gente si faccia una storia su quello che sta osservando. Per lo più utilizziamo lo stencil e la serigrafia”.