Gec, la Biennale, le girandole e una gallina

Il 31 agosto a Venezia tra calli, ponti e barche sono apparse un’ottantina di girandole multicolori, realizzate con Gratta&Vinci usati. E perdenti. Un’incursione firmata Gec Art.

Cuneese di nascita, torinese d’adozione, di estrazione “street”, con particolare inclinazione alla poster art, l’artista classe 1982 non è nuovo a queste invasioni. Due anni fa furono i topi tecnologici, realizzati con mouse dismessi, a colonizzare le strade parigine. Oggi tocca a Venezia, in occasione della 13a Biennale di Architettura.

La genesi dell’opera è stata piuttosto travagliata – racconta Gec –. Sono stato a invitato a partecipare da Farm Cultural Park, con cui collaboro da tempo, che ha curato il progetto ‘Epidemic Happyness’. Qui è emersa la prima difficoltà: raramente realizzo opere che abbiano a che fare con la felicità. Però mi è sembrata la giusta occasione per dare uno sbocco al progetto dei Gratta&Vinci, che avevo iniziato tempo fa”. Nell’arco di 6 mesi, Gec aveva raccolto oltre 12mila tagliandi usati, via web, social network e attraverso la collaborazione di tabaccai e rivenditori autorizzati. “Per molto tempo è rimasto un progetto nebuloso, non sapevo cosa ne sarebbe nato. Poi ha preso forma l’idea di creare un enorme poster in stile collage. Ma non era in linea col tema proposto a Venezia”. Dopo molte incertezze, con pochi giorni di anticipo sull’inaugurazione, nasce “La ruota gira”. Titolo beffardo che gioca col delirio collettivo legato al gioco d’azzardo.

Ma avevo pochissimo tempo per realizzare le girandole. Ognuna è composta da 30, 40 Gratta&Vinci e costruirle richiedeva molto lavoro. Ho messo sotto la mia ragazze e le sorelle e alla fine siamo riusciti a farne un’ottantina”. Ottanta simboli per eccellenza del gioco infantile realizzati con ciò che resta di un sogno infranto. Ottanta “fiori ludici” che avrebbero dovuto formare un giardino nello spazio espositivo di Farm Cultural Park. “Avrebbero. Alla fine le cose sono cambiate ancora e il giorno prima abbiamo deciso di spargerle per Venezia”. Operazione che si è rivelata piuttosto avventurosa, tra la pioggia insistente, la curiosità dei turisti e le bizze fuori programma di una gallina. “Con me c’era lo street artist milanese Elfo, che per rappresentare la felicità ha scelto di dare a una gallina la possibilità di volare. Per farlo le ha legato dei palloncini di elio e voleva fotografarla per le calli veneziane, solo che lei non sembrava disposta a stare ferma in posa”.

La sera del 31 agosto, per l’inaugurazione, le ottanta girandole turbinavano allegre nella splendida luce della città lagunare. Alcune sono ancora lì a far bella mostra di sé. Altre sono diventate curiosi souvenir nelle mani di turisti e veneziani. “Era previsto: anche questo fa parte dell’arte urbana”.

I numeri contano…

…anche nell’arte!

Soprattutto in un progetto di arte partecipata. Perché dalla risposta dei partecipanti dipende il risultato, l’opera finale.
È il caso del “Tentativo n. 5” lanciato da Gec via Facebook.
Dopo l’omaggio a Pelizza da Volpedo in Val di Susa, Gec si misura coi Gratta&Vinci: “si tratta di raccogliere un grandissimo quantitativo di Gratta&Vinci, già grattati naturalmente. Non hanno importanza la forma, dimensione, colore o marca. Donerò un posterino su carta ogni 10 Gratta&Vinci raccolti”, scrive sulla pagina Facebook.
Cosa ne verrà fuori? Ancora mistero, anche perché – come si sottolineava poco sopra, i numeri contano e influiscono sul risultato – “Molto dipenderà da quanti ne ricevo e vista la partecipazione fin qui registrata, saranno moltissimi”.

Le adesioni arrivano da ogni parte d’Italia.
Sempre via FB, Silvia fa sapere che “Qui a Roma nn stiamo mica a smacchiare i giaguari, io, modestie a parte, ho già raccolto venti gratta&perdi”.
E Romina è pronta a dare tutto il suo appoggio: “Io non gratto ma conosco gente che lo fa spesso, in più conosco bene i proprietari di ben due tabaccherie… posso parlargliene”.

Chi è di Torino può contattare Gec sulla pagina Facebook e accordarsi per la consegna; per il resto d’Italia è possibile spedire una busta all’indirizzo:
Tuinchi Cerutti
Corso principe Eugenio 36
10122 Torino

Inoltre stanno aderendo molte tabaccherie, diventando punti di raccolta sparsi sul territorio, come sottoline – sempre via F – Valentina: “il terzo tabacchino ha aderito alla proposta .) 50 gratta e perdi sono già nelle mie mani”.

Quelle che ad ora hanno aderito – accogliendo l’apposito contenitore – sono:
Tabaccheria Via S. Francesco da Paola 10, Torino (TO)
Bar “Nerolatte”, Piazza Boves, Cuneo (CN)
Ristorante “L’erla la Merla”, Corso Bisalta 61, Boves (CN)

Inoltre collabora al all’iniziativa, il progetto “Fate il Nostro gioco“, alias Diego Rizzuto e Paolo Canova, che da anni si occupano di gioco d’azzardo e calcolo delle probabilità (non giocano a favore di chi gioca…). Ed ecco dunque che, come si diceva, i numeri contano!
Sulla loro pagina Facebook si legge l’invito:
Nasce oggi, 25 gennaio 2012, a Torino, la prima collaborazione tra Fate il Nostro gioco e Gec.
Vi avevamo chiesto qualcosa di analogo già da 3 anni, ma da oggi vi chiediamo di aiutare lui, vedrete cosa combinerà…

Non resta che attendere…

Tra “fabbrica” e ArteSera

A poco più di 6 mesi dalla nostra “nascita” siamo approdati con somma gioia sul nuovissimo sito di ArteSera e abbiamo deciso di cominciare dalla fabbrica di via Foggia. Perché è una bella storia; perché è ricca di protagonisti e perché ci auguriamo possa avere un seguito ancora più interessante (le premesse ci sono tutte).

Torino è una città strana.
Alcune fabbriche chiudono, altre si aprono alla creatività.
L’ex Aspira di via Foggia 28 aveva ormai il destino segnato: sarebbe stata abbattuta per far posto a moderni loft ad uso abitativo. Prima però che il suo destino si compisse, gli spazi sono stati presi in consegna da Raw Tella e Eugenio Dragoni, che hanno letteralmente stravolto capannoni, cortile interno, uffici.
A giugno è nato il WTC – War Trade Center, che per due mesi ha saputo catalizzare tutti i nomi della street art torinese, molti esponenti di quella nazionale e alcuni ospiti d’oltre confine. Una delle più grandi e coinvolgenti esposizioni di street art mai viste in città. E con un elemento di forza in più rispetto a qualsiasi mostra/esposizione dedicata a graffitismo e affini. Così come capita in strada, anche negli spazi di via Foggia 28 le opere non potevano avere carattere permanente. Realizzate direttamente sui muri, sarebbero state abbattute, insieme alla fabbrica.

StreetArTO era nato da poco (febbraio 2011), con l’intento di raccontare la street art torinese. Trovarsela tutta riunita in uno spazio così suggestivo è stata una piacevolissima sorpresa.
Il giorno dell’inaugurazione una piscina è comparsa in cortile; gli skaters si producevano in acrobazie su rampe e pedane posizionate tra opere di Pixel Pancho e Galo, Xel e Lapiztola; si ballava la break dance sotto un lavoro di Eme de M, mentre la musica segnava il ritmo tra le persone in coda al bar, inglobate nella testa di Medusa realizzata dai Truly Design con la tecnica dell’anamorfismo. Nel cortile – dove si affacciavano l’albero di parole di Opiemme, le bambine di Nox, la grande tartaruga di Roa e gli strani extraterrestri realizzati da TO LET e Mp5Gec ha racchiuso in poche parole il senso di quei due mesi, in cui le pareti della fabbrica si popolavano di storie e personaggi, cambiando aspetto dal giorno alla notte: “Qui, oggi, direi Berlino – Torino: 1 a 1!”.

Continua sul blog di ArteSera.