Roa, la Fabbrica e la tartaruga

 

 

 

Una giornata in fabbrica, in via Foggia 28. Sui tetti.

Roa dà vita alla sua tartaruga, Pixel Pancho fa qualche schizzo, mentre osserva il lavoro dell’artista e amico belga.

Nelle pause si parla di tecniche e approcci. Pixel Pancho è contrario all’uso del proiettore per realizzare modelli in scala su parete. Il muro bianco è una sfida, deve essere affrontato col rischio dell’errore.

Roa concorda, anche se invita a non essere troppo rigidi. Ognuno deve trovare il suo stile, ciò che gli è più congeniale, darsi una struttura, ma poi non bisogna esserne prigionieri… darsi delle regole, ma infrangerle quando serve.

Intanto al pianterreno due ragazze si cimentano in acrobazie ai tessuti, tra le nuove opere che sono sbocciate al WTC.

Qui sotto un’altra slide con alcune opere di Sub Urb Art / Arte Urbana in Subbuglio:

Questo slideshow richiede JavaScript.