Across Rewriting per 92

across rewritingQual è lo stato dell’arte della scena “street”? Una risposta abbastanza esastiva la si può trovare da Amantes, in via Principe Amedeo 38/a. Fino al 5 gennaio saranno in esposizione i lavori di “Across Rewriting”, ricognizione annuale di Roberto Tos sulle proposte artistiche degli street artist su supporti 30 x 30. Sono 92 quest’anno i lavori esposti nella vetrina del locale e la proposta è decisamente varia. A partire dai supporti: non solo la classica tela, c’è chi preferisce il legno, chi ha costruito supporti dotati di una profondità che permette di giocare con le prospettive e chi ha appeso un pezzo di muro 30 x 30… in fondo è street art! E se vi volete divertire con un semplice giochetto: provate a trovare il neo di Marilyn tra le forchette.

Carrellata in galleria:

 

Annunci

L’unico Spam che ci piace

artissima vendutaDopo due anni di scorribande fiorentine, Spam approda a Torino – dove ha già lasciato il segno nei gironi di Artissima.

 

Con l’inizio di dicembre avrà/anno modo di presentarsi.

Il 1° dicembre attraverso “TUTTO CIO’ CHE SAI E’ FALSO“, il primo libro di SPAM autoprodotto (250 pagine 400 immagini a colori), scaricabile online, GRATIS.

tutto ciò che sai è falsoCliccando qui.

Il 5 dicembre, dalle 19, sarà tra i 100 artisti, che animeranno la VI edizione di Across Rewriting.

E ovviamente, occhi aperti, in cerca del segno di Spam in giro per la città.

 

 

Across Rewriting V edizione

Martedì 6 dicembre, dalle 18,30 circa, nella vetrina di Amantes, in via Principe Amedeo 38/a, ha inaugurato la collettiva Across Rewriting, giunta alla sua quinta edizione.

Nel video sottostante le opere degli 86 artisti partecipanti.

 

 

Across Rewriting fa 90

Chiusa la parentesi LastVagito con i Dott. Porka’s (protagonisti domani, martedì 29 novembre 2011), da martedì 6 dicembre Amantes ospita la V edizione di Across Rewriting, la mostra collettiva “ridotta” (tele 30 x 30), dedicata al mondo graffiti writing e street art.

Saranno 90 i partecipanti a questa edizione. Torinesi, ma non solo. Milano, Roma, Ferrara, Bologna, Venezia, Reggio Emilia, Napoli, Brescia, Parma, Como, Bergamo sono alcune delle altre città rappresentate in questa quinta edizione. E molti di loro interverranno all’inaugurazione (martedì 6 dicembre alle ore 19).

Si tratta di nomi noti al grande pubblico, uno spaccato rappresentativo del fermento creativo che anima quotidianamente le nostre città e le nostre strade. Giovani al primo approccio con la tela di piccolo formato, affiancati da artisti riconosciuti a livello internazionale, riuniti nella vetrina di via Principe Amedeo 38/a (fino al 7 gennaio) per comporre un mosaico unico di tasselli trenta per trenta centimetri.

Qui sotto l’elenco dei 90 partecipanti:


Lastvagito: NOx e le clessidre

“Un modo per recuperare il tempo perduto”. Spiega così il senso di Lastvagito, Roberto Tos di Amantes, lontano dal suo locale e dalla scena street per alcuni mesi causa infortunio: “Non sono riuscito nemmeno a passare in via Foggia… Mi sono perso anche Rewriting, la mia creatura. E allora ho deciso di regalarmi uno sguardo su quello che sta capitando tra street art e graffiti a Torino. Partendo da i numerosi artisti che hanno partecipato ad Across Rewriting, ho deciso di dar vita a piccole e brevi personali”.

Il via martedì 13 settembre con le donne velate di Br1. Cinque giorni in vetrina, poi si cambia allestimento.

Ieri (martedì 20) inaugurazione del secondo appuntamento: protagonista NOx e la sua passione/ossessione per lo scorrere del tempo, imprigionato e inarrestabile nelle sue clessidre alate. Lastvagito diventa inoltre l’occasione per vedere le opere che NOx ha esposto quest’estate a Fenestrelle in occasione dello Speak Festival.

In attesa di vedere le sue opere su schermi ben più grandi (!), una visita virtuale nella vetrina di Amantes:

LASTVAGITO 2011

13 settembre – BR1

20 settembre – NOx

27 settembre – XEL

4 ottobre – Tonichina

11 ottobre – Halo Halo